Chi sta per compiere il fatidico passo del cambio di casa può trovarsi di fronte la necessità di procedere ad alcune ristrutturazioni, ma anche di rinnovare l’impianto di riscaldamento, acquistare nuovi mobili o rendere l’immobile antisismico. Il bonus casa 2019 conferma la detraibilità IRPEF (per mezzo della dichiarazione dei redditi) di tutte queste spese, ma ci sono anche importanti novità. 

Debutta, infatti, quest’anno il “bonus verde”, che è una detrazione pari al
36% per le spese sostenute l’anno precedente (vale quindi per spese sostenute
nel 2018 e varrà per quelle sostenute nel 2019) per la sistemazione a verde di
aree private dei singoli condomini, per l’acquisto di impianti di irrigazione e
la realizzazione di giardini pensili, coperture a verde e pozzi. A questa si
aggiunge un’altra buona notizia: la detraibilità al 19% delle polizze che
assicurano contro il rischio calamità. 

Veniamo, invece, alle occasioni di risparmio nel rinnovo casa, che sono
ormai diventate strutturali, seppure con oscillazioni annuali dell’aliquota.


Le ristrutturazioni

Per le spese di ristrutturazione sostenute dal 26 giugno 2012 al 31
dicembre 2019 la detrazione è pari al 50%, fino ad un limite massimo di 96.000 euro.


Detrazione per acquisto di immobili rimessi a nuovo

Chi intende acquistare fabbricati ad uso abitativo godrà di un’agevolazione
per il restauro e il risanamento conservativo dello stabile. L’importo
forfettario è questa volta pari al 25% del prezzo ed è necessario che la
vendita o l’assegnazione dell’immobile avvengano entro 18 mesi dalla fine dei
lavori.


Acquisto di mobili ed elettrodomestici a partire dalla classe A+

Una detrazione del 50% vale anche per l’acquisto di mobili ed
elettrodomestici, ma solo nel caso in cui si debba arredare un immobile oggetto
di ristrutturazione. Usufruiranno dello sconto anche coloro che acquistano nel
2019 (anche a rate), ma soltanto se hanno avviato la ristrutturazione edilizia
a partire dall’1° gennaio 2018.


Ecobonus 2019

Un capitolo a parte meritano le ristrutturazioni con l’obiettivo di
migliorare l’efficienza energetica degli immobili. L’aliquota quest’anno è del
50% (purtroppo in discesa rispetto gli anni precedenti) e riguarda la
sostituzione degli infissi, l’acquisto di nuove caldaie a condensazione o
biomassa e le schermature solari.

Si sale al 65% per l’installazione delle pompe di calore, per le opere di
coibentazione e per l’acquisto di scaldabagno a pompa di calore. Queste
detrazioni raggiungono il 70% e il 75% se l’intervento è condominiale.


Detrazioni per giovani e studenti fuori sede

Nel 2019 non è stato riconfermato il bonus per le giovani coppie, che si
applicherà soltanto a chi ha aperto la pratica quando era ancora in vigore. I
giovani tra i 20 e i 30 anni e gli studenti che si trasferiscono ad almeno 100
km da casa, possono però usufruire di uno sconto sull’affitto della casa, nel
caso in cui si tratti di abitazione principale. Il bonus è pari al 19% ed è
valido per i primi tre anni di contratto di locazione regolarmente
registrato. 

Ora non ti resta che trovare l’immobile adatto a te. Clicca qui